1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale
  3. Menu di Sezione
  4. Box modale
A. O. Ordine Mauriziano di Torino

Contenuto della pagina

Manuale delle Procedure PAC

OBIETTIVI

  1. A1) Prevenire ed identificare eventuali comportamenti non conformi a leggi e regolamenti che abbiano impatto significativo in bilancio.
  2. A2) Programmare, gestire e successivamente controllare, su base periodica ed in modo sistemico, le operazioni aziendali allo scopo di raggiungere gli obiettivi di gestione prefissati.
  3. A3) Disporre di sistemi informativi che consentano la gestione ottimale dei dati contabili e di formazione delle voci di bilancio.
  4. A4) Analizzare i dati contabili e gestionali per aree di responsabilitą.
  5. A5) Monitorare le azioni intraprese a seguito di rilievi/suggerimenti della Regione, del Collegio Sindacale e ove presente del Revisore Esterno.
  6. D1) Separare le responsabilitą nelle fasi di gestione, autorizzazione, esecuzione e contabilizzazione delle transazioni.
  7. D2) Realizzare inventari fisici periodici.
  8. D3)Proteggere e salvaguardare i beni.
  9. D4) Predisporre, con cadenza almeno annuale, un piano degli investimenti.
  10. D5) Individuare separatamente i cespiti acquisiti con contributi in conto capitale, i cespiti acquistati con contributi in conto esercizio, i conferimenti, i lasciti, le donazioni.
  11. D7) Riconciliare, con cadenza periodica, le risultanze del libro cespiti con quelle della contabilitą generale.
  12. E1) Dimostrare l'effettiva esistenza fisica (magazzini - reparti/servizi - terzi) delle scorte.
  13. E2) Individuare i movimenti in entrata ed in uscita e il momento effettivo di trasferimento del titolo di proprietą delle scorte.
  14. E3) Rilevare gli aspetti gestionali e contabili delle scorte garantendo un adeguato livello di correlazione tra i due sistemi.
  15. E5) Calcolare il turnover delle scorte in magazzino e delle scorte obsolete (scadute e/o non pił utilizzabili nel processo produttivo).
  16. E7) Gestire i magazzini in modo da garantire: la separazione tra funzioni di contabilitą di magazzino e di contabilitą generale; la verifica tra merci ricevute e quantitą ordinate; la rilevazione e la tracciabilitą degli  scarichi di magazzino e dei trasferimenti al reparto; la riconciliazione tra quantitą inventariate e quantitą rilevate e valorizzate in contabilitą generale.
  17. F1) Separare adeguatamente compiti e responsabilitą nelle fasi di acquisizione, rilevazione e gestione dei crediti (e dei correlati ricavi).
  18. F5) Valutare i crediti e i ricavi, tenendo conto di tutti i fatti che possono influire sul valore degli stessi, quali ad esempio: il rischio di inesigibilitą e l'eventualitą di rettifiche.
  19. G1) Separare adeguatamente compiti e responsabilitą nella gestione delle giacenze di cassa (economale e CUP) e dei crediti/debiti verso l'Istituto Tesoriere.
  20. G2) Separare adeguatamente compiti e responsabilitą tra le attivitą di rilevazione contabile di ricavi, costi, crediti e debiti e le attivitą di rilevazione contabile d'incassi e pagamenti.
  21. G3) Realizzare controlli periodici da parte di personale interno, terzo dalle funzioni di Tesoreria.
  22. G4) Garantire che tutte le operazioni di cassa e banca siano corredate da documenti idonei, controllati ed approvati prima della loro rilevazione contabile.
  23. G5) Tracciare, in modo chiaro, evidente e ripercorribile, tutti i controlli svolti sulle operazioni di Tesoreria (inclusa l'attivitą di riconciliazione contabile con le risultanze dell'Istituto Tesoriere, dei conti correnti postali, delle casse economali, ecc.).
  24. I1) Disciplinare gli approvvigionamenti di beni e servizi sanitari e  non sanitari: documentando e formalizzando il flusso informativo e le fasi della procedura di acquisizione dei beni e servizi sanitari e non sanitari.
  25. I2) Impiegare documenti idonei ed approvati, lasciando traccia dei controlli svolti: ogni operazione suscettibile di originare, modificare o estinguere i debiti deve essere comprovata da appositi documenti che siano controllati ed approvati prima della loro rilevazione contabile.
  26. I3) Dare evidenza dei controlli effettuati con particolare riguardo: alla comparazione di ordini - offerte richieste ai fornitori - bolle di entrata della merce in magazzino; alla verifica delle fatture dei fornitori (intestazione, bolla-fattura, bolla-ordine, calcoli aritmetici, adempimenti fiscali, autorizzazione al pagamento).
  27. I4) Fornire idonei elementi di stima e di previsione dei debiti di cui si conosce l'esistenza ma non l'ammontare: merci acquisite o servizi ricevuti senza che sia stata ricevuta e contabilizzata la relativa fattura; debiti a lungo termine, comprensivi degli interessi, per i quali sussistono particolari problemi di valutazione; debiti sui quali siano maturati interessi o penalitą da inserire in bilancio; rischi concretizzati in debiti certi.
  28. I5) Formalizzare i flussi informativi e consentire la percorribilitą dei controlli sul corretto trattamento economico del personale dipendente, personale assimilato a dipendente e dei medici della medicina convenzionata di base, secondo la regolazione giuslavorista e previdenziale.
  29. I8) Realizzare analisi comparate periodiche degli ammontari di debiti e costi, del periodo corrente, dell'anno precedente e del bilancio di previsione.


Ultima Modifica: 23/04/2018

 
 
  1. Regione Piemonte
     
  2. Consiglio Regionale del Piemonte

     
  1. Linea Amica